Ultime notizie Fusoradio

Fusoradio BEST OF 2014

classifica

Come già successo lo scorso anno, arrivati a fine anno chiediamo ai nostri WJ e redattori di segnalare - ognuno secondo le proprie inclinazioni e passioni - i 3 dischi che maggiormente li hanno colpiti nel corso dell'anno appena trascorso.
Senza parole di accompagnamento, perché mai come stavolta i dischi bastano e avanzano.

Sperando di aiutarvi a scoprire dell'ottima musica, ecco a voi la nostra Top 2014!



Fusoradio Best of the Month: NOVEMBRE 2014

fusoradio best_of_the_monthTerza puntata della nostra nuova rubrica di consigli musicali.
Anche questo mese siamo qui per regalarvi musica e provare ad accontentare tutti i palati, spaziando dal rock al reggae, passando per hip hop, elettronica, world music e lasciando come sempre succede uno spazio per la "riserva indiana" della musica indipendente italiana.

Questo è il 
FUSORADIO BEST OF THE MONTH - NOVEMBRE 2014:


Fusoradio Best of the Month: OTTOBRE 2014

fusoradio best_of_the_monthSeconda puntata della nostra nuova rubrica di consigli musicali.
Tre nuovi ingressi tra i "consiglieri" (la X Fatton Crew, Edoardo Vitale e la "redazione rock"), per regalarvi ancora più musica e provare ad accontentare tutti i palati.

Questo è il 
FUSORADIO BEST OF THE MONTH - OTTOBRE 2014:


Recensiti per voi: New Bomb Turks @ Bloom (MI)

new-bomb-turks-300x177I New Bomb Turks sono in Europa per una mini tournée di due sole date, e visto che una di queste sarà in Italia, difficile per Search & Destroy Radio resistere alla tentazione di trovarsi al cospetto di una delle sue band di riferimento. Ancora più difficile spiegare come sia possibile che gruppi di questo spessore non abbiano mai ottenuto la fama che avrebbero meritato, anche forse per "colpa" del loro irriducibile atteggiamento anti-commerciale e autoreferenziale, inteso nella più viva e genuina accezione di questo termine.

Recensiti per voi: Helmet @ Circolo degli Artisti

1408267873 10441918_10152231910312632_2131299178762850560_nNel giugno del 1994 non era passato neanche un anno dall'uscita di In Utero, e mentre Kurt Cobain e i suoi Nirvana bruciavano il grunge e sé stessi nella spirale caustica di successo e autodistruzione che in poco tempo lì avrebbe inghiottiti inesorabilmente, dall'altra parte dell'America, sulla East Coast, alcuni gruppi provavano a ridisegnare percorsi e prospettive della musica indie made in Usa, soprattutto quella legata alle stesse sonorità disturbanti, malate, ai confini tra hard, metal, hc e noise eruttate da quel cono vulcanico impazzito che corrispondeva alla Seattle dei primi anni '90.
Una wave territoriale di tutto rispetto, dato che ad alimentare la risposta atlantica al grunge, ci pensarono (tra gli altri) gente del calibro di Fugazi, Jesus Lizards, Monster Magnet. E ovviamente anche gli Helmet.

Pagina 2 di 43